Gram Parson & Keith Richards: EXILE a VILLA NELLCOTE

0

Il 12 maggio del 72 esce Exile On Main Street- nell’estate del ’71 The Rolling Stones registrano  cercando riparo dai loro guai fiscali nel Regno Unito.

Si autoesiliano nel sud della Francia in Villa Nellcôte, un palazzo di 16 stanza sul lungomare che un tempo fungeva da quartier generale della Gestapo  durante la seconda guerra mondiale.

Il fotografo francese Dominique Tarle ha avuto pieno accesso al viavai per un periodo di sei mesi folli. In seguito ha raccontato al New York Times-“Hanno costruito uno studio nel seminterrato della casa di Keith perché la band sapeva che sarebbe stato più facile per Keith”,   “Gli ingegneri e tecnici dormivano sopra, le linee elettriche illegali venivano prese dal sistema ferroviario francese. Un carnevale di personaggi ha sfilato in quella casa da Through Terry Southern, Gram Parsons, John Lennon, anche un gruppo tribale del Bengala … spacciatori da Marsiglia; ladruncoli, che hanno rubato la maggior parte dei farmaci e la metà dei mobili.”

Durante quel periodo, Keith Richards e Gram Parsons sono stati molto vicini.  Entrambi sono stati  strafatti la maggior parte del tempo da qualsiasi cosa: marijuana, cocaina, eroina,   ‘alcol  “Ho conosciuto Gram – dice Keith Richards-  nel 1968, quando i Byrds suonarono a Londra – credo che fosse un club chiamato Blazes.  Ma quando li ho visti al Blazes con Gram, ho potuto vedere che   era una svolta radicale. Sono andato dietro le quinte, e abbiamo stretto amcizia.

“In qualità di compositore, Gram ha lavorato molto come faccio io, che è mettere fuori un paio di accordi, iniziamo a tiritera per vedere quanto lontano si può andare. Piuttosto che seduti intorno con un pezzo di carta e una penna. A  Gram piaceva  anche lavorare molto duramente – più di quanto io abbia mai fatto – sulla levigatura dei brani. E ‘difficile per me scegliere una delle sue canzoni come preferite. Sin City, il primo album dei Flying Burrito Brothers ‘, è grande.”

Allo stesso tempo, Mick stava ascoltando quello che stava facendo Gram. Mick ha orecchio.  Gram ha  il più grande repertorio di cazoni country che si possa immaginare. Non era mai a corto di una canzone.

Tragicamente Parsons morì di overdose nel ’73, all’età di 26 anni. Secondo il racconto della fidanzata Margaret Fisher, la quantità di morfina consumata da Parsons sarebbe stata letale per tre persone- si pensa che aveva probabilmente sovrastimato la sua tolleranza considerando la sua passata esperienza con gli oppiacei.

 Durante i preparativi del funerale,in una strana piega degli eventi, il corpo Parsons ‘in qualche modo è scomparso da Los Angeles prima che potesse essere spedito a New Orleans per la sepoltura.

Prima della sua morte Parsons aveva dichiarato di voler essere cremato a Joshua Tree e avere le sue ceneri sparse su Cap Rock,   Per soddisfare le sue volontà, Phil Kaufman e un amico rubarono il suo corpo da Los Angeles e ha portato in un carro funebre a Joshua Tree- dove hanno tentato di cremarlo  versando cinque galloni di benzina nella bara aperta e gettando un fiammifero acceso dentro. Il risultato fu un enorme palla di fuoco. La polizia li ha inseguiti,   I due sono stati arrestati alcuni giorni dopo. Dal momento che non vi era alcuna legge contro il furto di un corpo morto, sono stati multati solo di $ 750 per aver rubato la bara, e sono stati sorprendentemente non perseguiti per aver lasciato 35 libbre di resti carbonizzati Gram Parsons ‘nel deserto.

Condividi

Lascia una risposta