Paul McCartney avverte: il futuro della musica in pericolo

0

L’ex Beatle sta sostenendo una nuova campagna che sta cercando di frenare il crescente numero di chiusure di locali musicali in tutto il Regno Unito.

L’ex Beatle è affiancato da Brian Eno, Nick Mason dei Pink Floyd, Ray Davies dei The Kinks e una schiera di politici e attivisti nel sostenere un piano per fermare la chiusura dei locali di base dopo che più di un terzo avrebbe chiuso nel passato decennio, secondo una ricerca di UK Music.

“Senza i club di base, i pub e i luoghi di musica la mia carriera avrebbe potuto essere molto diversa”, ha detto. “Se non supportiamo la musica a questo livello, il futuro della musica in generale è in pericolo”.

McCartney ha dato il suo sostegno all’iniziativa UK Music, con l’anziano parlamentare laburista John Spellar che ha presentato oggi una nuova proposta di legge sulla Camera dei Comuni (10 gennaio) nel tentativo di attuare il principio del “Agente del cambiamento” nella legge britannica.

Se implementato, il principio costringerebbe gli sviluppatori a prendere in considerazione l’impatto di qualsiasi nuovo schema sulle imprese preesistenti – come i locali musicali – prima di andare avanti con i loro piani.

“Se non supportiamo la musica a questo livello, il futuro della musica in generale è in pericolo”. McCartney ha detto.  Chrissie Hynde, membro fondatore dei The Pretenders, ha dichiarato:

“Quando ho sentito della minaccia imminente nei piccoli locali, il mio cuore ha perso un battito. “Non sono i talent show dei programmi televisivi o teatrali a propagare una grande musica, sono dei piccoli locali. “Sono l’ambientazione di tutto ciò che di eccezionale è venuto fuori dalla scena musicale in questo paese, dai Beatles agli Oasis e oltre. L’Inghilterra ha a lungo guidato il mondo della musica popolare; il resto del mondo segue l’Inghilterra. “Se le piccole sedi si chiudono, così sarà l’uscita creativa unica dell’Inghilterra. Sarà come chiudere i parchi giochi nelle scuole. Il mondo intero soffrirà, non solo l’Inghilterra. “

Condividi

Lascia una risposta