E’ di Paul McCartney il record di incassi del 2017: 132 milioni $

0

Il tour “One on One” di Paul McCartney è stato il tour di maggior incasso del 2017 con il tour che ha guadagnato oltre $ 132 milioni quest’anno.

Le vendite finali finali del botteghino del 2017 per il tour One on One di Paul McCartney sono state segnalate negli ultimi giorni dell’anno, facendo guadagnare alla leggenda del rock la prima posizione nella classifica settimanale di Hot Tours.milioni

Con $ 67 milioni di entrate di biglietti venduti da 15 spettacoli aggiunti ai concerti che sono stati già segnalati all’inizio dell’anno, il totale lordo del tour nel 2017 sale a $ 132 milioni. Il trekking ha incluso un totale di 37 concerti da aprile a dicembre con il numero di biglietti venduti per un totale di 907.610 durante l’intervallo di otto mesi.

l tour One on One è stato lanciato originariamente nel 2016 e includeva due tappe nei mercati nordamericani e un viaggio attraverso l’Europa e anche l’Argentina. Proprio come ha fatto quest’anno, McCartney ha suonato sia nelle arene che negli stadi durante il primo anno del tour. Ha concluso il suo programma per il 2016 con le sue due apparizioni al Desert Trip, il più grande di $ 160 milioni che ha caratterizzato gli spettacoli   nel campo del festival Coachella a Indio, in California, nel mese di ottobre. Sir Paul ha poi toccato l’Australia e la Nuova Zelanda nel mese di dicembre con un’altra serie di concerti tutti esauriti.
Recentemente Con oltre  50 anni di ritardo. È tornato disponibile online Unforgettable, il disco di natale segreto che Paul ha registrato nel 1965, un regalo di natale per gli altri tre Beatles.

Unforgettable è stato stampato in solo 4 copie, e ora è riapparso su YouTube. All’interno non troverete materiale originale di McCartney – o dei Beatles -, ma una playlist (introdotta da Paul) con musica di mostri sacri come Rolling Stones, Elvis e Nat King Cole

.«Avevo due registratori a nastro a casa, e li usavo per fare esperimenti e loop di tutti i tipi», ha detto Paul a Mark Unterberger, che l’ha intervistato per il libro The Unreleased Beatles. «Ogni tanto incidevo cose folli, regali per gli altri della band. Niente di più, musica da ascoltare a tarda serata per ridere».

Recentemente McCartney ha dichiarato che effettivamente i Wings facevano schifo.

Condividi

Lascia una risposta