Bruce Springsteen nel film “Broken poet

0

Bruce Springsteen assieme alla moglie e all’amico Elliott Murphy, appare nel film che racconta la ricerca di un leggendario e misterioso rocker

“Broken Poet”: è un film diretto Emilio J Ruiz, con la colonna sonora del cantautore newyorchese Elliott Murphy: racconta la storia di un leggendario e misterioso rocker, Jake Lion – ovviamente inventato. E il film ha un cast d’eccezione: Marisa Berenson, lo stesso Elliott Murphy, che ha chiamato un vecchio amico, Bruce Springsteen. Lo si vede nel trailer, raccontare che ha aperto qualche concerto di Jake Lion.

Nel film è presente anche Patti Scialfa: Ancora ignota la data di uscita nelle sale.

Recentemente è stata ritrovata una  registrazione  di Springsteen  rimasta nascosta per 34 anni
Janey Don’t Lose Your Heart’
La registrazione, incisa il 27 settembre 1985 al Los Angeles Memorial Coliseum, è rimasta nascosta per 34 anni, rilasciata come parte dei nuovi album dai suoi archivi live
 0

Bruce Springsteen e la E Street Band erano in viaggio da oltre un anno quando il tour di Born In The USA si è concluso con quattro serate al Los Angeles Memorial Coliseum alla fine di settembre del 1985. Fonte Rolling Stone.it – per leggere l’articolo completo cliccate QUI

Springsteen era al culmine assoluto del suo successo con sei singoli singoli dell’album in Top Ten (e un settimo in arrivo). Gli stadi e le arene ovunque suonasse erano sold out. Un team di professionisti era a disposizione per registrare ogni esibizione del tour per il cofanetto Live 1975-85, ma alla fine sono state usate solo le incisioni della terza data.

La registrazione della serata di apertura del 27 settembre 1985 è rimasta nascosta per 34 anni, ma ora Springsteen l’ha rilasciata online per la serie dei nuovi album dal vivo direttamente dai suoi archivi live.  . La canzone era il lato B di I’m Goin ‘Down e il Boss non l’aveva mai suonata dal vivo prima. (E non l’avrebbe fatto più per altri otto anni). Era anche la prima volta che interpretava una cover di War di Edwin Starr.

Condividi

Lascia una risposta