La collezione d’arte di George Michael (13 mln) in beneficenza

0

La collezione di oggetti d’arte appartenuta a George Michael – il cantante ex Wham! scomparso il giorno di Natale del 2016 – è stata venduta all’asta

Le trattative e le transazioni sono state gestite dalla famosa casa d’aste londinese Christie’s e alla fine sono stati raccolti ben 11,3 milioni di sterline – l’equivalente, arrotondato per difetto di qualche migliaio, di circa 13.265.000 euro. -(Fonte Rockol)

“The Incomplete Truth” di Damien Hirst, che consiste in una colomba conservata in formalina, ha raggiunto le 911.250 sterline; “Saint Sebastian, Exquisite Pain”, sempre di Hirst, è arrivato a 875.250 sterline; e la prima opera di valore comprata dall’artista, un quadro del 1982 realizzato da Bridget Riley e intitolato “Songbird”, è stato battuto all’asta per 791.250 sterline.

Il denaro raccolto da questa asta sarà devoluto a varie cause ed enti benefici a cui George Michael era legato e a cui era solito offrire il proprio sostegno.

Di George Michael  Sono almeno 3 i dischi inediti non pubblicati

Sarebbero almeno 3 i dischi mai pubblicati di George Michael contenenti materiale inedito. Secondo il Daily Mirror, il cantante avrebbe lavorato a lungo su molte tracce, decidendo però che non fossero pronte per essere pubblicate.

Tra i titoli White Light, anche nome del singolo con cui si esibì alle Olimpiadi 2012, e Trojan Souls, disco a cui ha lavorato negli anni 90 e che includerebbe la canzone che Fadi Fawaz, il suo fidanzato, ha pubblicato ieri.  Oltre a questi due lavori ci sarebbe anche un terzo album, questa volta dance, probabile seguito di Listen Without Prejudice Vol 1, scartato a causa di problemi con la label. Non sappiamo ancora se le tracce saranno mai pubblicate e se lo stesso George non lo ha mai fatto prima, probabilmente è giusto che rimangano chiuse nel cassetto del suo studio di registrazione.

Michael ha venduto oltre 100 milioni di album nella sua carriera, tra il periodo con gli Wham!, assieme a Andrew Ridgeley, e quello solista. Quest’ultimo ha conquistato molti dei critici e degli ascoltatori che lo ritenevano, in precedenza, un semplice fenomeno per adolescenti. Ma la carriera del cantante è successivamente sbandata per qualche anno, a causa di alcune battaglie legali con la sua label, dei problemi con le autorità e, successivamente, alcuni fatti di droga.

 

Condividi

Lascia una risposta