Dentro le stanze di Downing Street n° 10

0

La residenza del Primo Ministro

La casa numero 10 di Downing Street in origine faceva parte di un complesso di tre edifici: una residenza con vista su St. James’s Park, detta anche “the House on the back”, la casa sul retro; un’abitazione centrale e un cottage vicino al numero 10.
Nel 1732 il Re Giorgio III, decise di donarli tutti insieme a Sir Robert Walpole, come ricompensa per i servigi che aveva reso alla Nazione. Egli, però, rifiutò di accettare il lascito regale come un dono personale, proponendo al Regnante di rendere l’abitazione ufficio e dimora di tutti i futuri First Lord of the Treasury. Fu lo stesso Walpole a incaricare l’architetto Kent di stilare un progetto che riunisse i tre edifici in un’unica grande viletta. Ebbe origine in questo modo, l’attuale struttura a due piani della casa del Premier Britannico, con una lunga stanza al piano terra, dove attualmente si svolgono le riunioni del consiglio dei Ministri, e uno spazio interno, convertito in cortile, collegato alle altre case di Downing Street da un corridoio chiamato Treasury Passage. Il processo di ristrutturazione durò tre anni, dopo i quali la casa del First Lord, era costituita da stanze dotate di pavimenti in legno duro e marmo, eleganti pilastri e una bellissima vista sul St. James’s Park.
Dal 1735 al 1902, soltanto 16 su 32 Ministri soggiornarono al numero 10.

120109050-89d07822-27e3-4a7a-bf32-2bc0affd85d1 120109108-06d9f63d-43ab-41e3-9599-3c94c1fb5ac0 120109402-b4e265eb-7fad-4e64-b784-70d6a6eb30be 120109606-e0643b12-b3fc-401f-b4e2-4e5afb2fadbc 120110090-d825f5fb-0b1d-4e27-8045-f2a5291c560c 120110339-52c6863a-3b54-43c3-a329-563a2d7b41e3 120110381-b3414586-7bc1-4fa5-ad11-e862b07ff6f2 120108228-ac28ada5-801b-406c-99f5-e974e2ef0301

Sir S. Downing fu una spia del generale Cromwell- in seguito anche del Re Carlo II- che era riuscito ad accumulare grandi ricchezze grazie alle proprie campagne militari. Nel 1654, acquistò il terreno a sud di Saint James’s Park, adiacente alla casa 120108196-4da174fb-141b-4742-bc26-fd5ce1973ae7sita sul retro, a poc103601248-5834ace2-0fda-4536-8a03-3ba310585186hi metri dal Palazzo del Parlamento, con l’intenzione di costruirvi una serie di villette a schiera, da destinare ai membri dell’alta società londinese. All’interno di quella stessa strada, che adesso porta il suo nome, la più grande abitazione corrisponde al numero 10. Il criterio con il quale vennero costruite le case, tuttavia, non fu dei migliori: si trattò di un progetto a bassissimo costo, basato su fondamenta fragili e su un suolo instabile. Questa fu una delle ragioni per cui l’attuale residenza del Governo Britannico fu oggetto di innumerevoli opere di manutenzione e restauro e del fatto che pochi First Lord of the Treasury (nome del Premier in lingua originale) nel corso della storia decisero effettivamente di soggiornarvi.

 

 

Condividi

Lascia una risposta