Nick Mason: è ora che i Pink Floyd smettano di litigare

0

Il co-fondatore dei Pink Floyd Nick Mason condivide il suo pensiero sulle “inutili” tensioni in corso tra Roger Waters e David Gilmour

 “Penso che sia davvero deludente che questi signori piuttosto anziani siano ancora ai ferri corti”

I due non si parlano propio,  ma entrambi sono rimasti in qualche modo vicini a Mason. “È una cosa davvero strana secondo me”, dice Mason, cercando di spiegare la loro attuale impasse. “Ma penso che il problema sia che Roger non rispetta davvero David. Sente che scrivere è tutto, e che suonare la chitarra e il canto sono qualcosa che, non dirò che chiunque può fare, ma che tutto dovrebbe essere giudicato sulla scrittura piuttosto che sul suonare.  floyd

“La decisione di Gilmour di continuare come Pink Floyd dopo che Waters ha lasciato nel 1985 continua a essere un punto di contesa. Penso che portare questo rancore a Roger abbia commesso una sorta di errore in un modo in cui ha lasciato la band supponendo che senza di lui si sarebbe piegato “, dice Mason. “È un’irritazione costante, davvero.   In realtà vado d’accordo con entrambi, e penso che sia davvero deludente che questi signori piuttosto anziani siano ancora qui a litigare.

I Floyd non sono apparsi da nessuna parte in pubblico negli ultimi sette anni, e quando Gilmour ha pubblicato  l’album dei Floyd del 2014 The Endless River in omaggio al compianto Richard Wright, non ha nemmeno pensato di invitare Waters a partecipare.

“Perché sulla Terra nessuno pensa che quello che faccio ora avrebbe qualcosa a che fare con lui è un mistero per me”, ha detto Gilmour a Rolling Stone. “Roger era stanco di essere in un gruppo pop. È abituato a essere l’unico ad avere potere . Il pensiero che lui entri in qualcosa che ha qualche forma di democrazia, non lo mette di buono umore. Inoltre, avevo circa trent’anni quando Roger lasciò il gruppo. Ho 68 anni. È passata mezza vita. Non abbiamo davvero molto in comune “.

 

Condividi

Lascia una risposta