Paul McCartney  ritarda uscita di McCartney III

0

Paul McCartney  aveva annunciato McCartney III, in uscita l’11 dicembre tramite Capitol Records.

“McCartney III”, che è stato scritto, prodotto e composto dalla leggenda dei Beatles, arriverà ora il 18 dicembre, una settimana dopo il previsto. Un post sul suo account sui social media diceva:

“Ritardi di produzione imprevedibili hanno costretto la data di uscita del nuovissimo album di Paul” McCartney III “a essere spostata di una settimana al 18 dicembre 2020. Grazie a tutti per la pazienza, il supporto e l’entusiasmo per l’album. Noi non vedo l’ora che tu lo senta! – MPL ”

Seguendo il suo debutto da solista omonimo del 1970 e McCartney II degli anni ’80, il nuovo album presenta il musicista che suona tutti gli strumenti; ha scritto e registrato ogni canzone.

Con ampio anticipo rispetto alla pubblicazione dell’album, prevista per l’11 dicembre, l’edizione cartacea di “Rolling Stone” USA pubblica la prima recensione del prossimo disco di Paul McCartney, “McCartney III”, firmata da Rob Sheffield, che assegna al lavoro una votazione di quattro stelle su cinque.

“Paul gets back to the country” – scrive nel sommario: “McCartney torna al suono pastorale dei suoi primi lavori da solista con una gemma rilassata”, dove “rilassata” è un’impropria traduzione in italiano di “laid-back”, che indica, per maggior precisione, un atteggiamento tranquillo e non competitivo; come se McCartney non avesse tenuto granché in considerazione (cosa di cui personalmente dubito) il possibile successo commerciale del disco che segue l’imprevisto numero 1 del precedente “Egypt Station”, il primo dell’ex Beatles dal 1982. (Rockol.it)

McCartney III è stato registrato all’inizio di quest’anno nel Sussex, in Inghilterra, tagliato da riprese dal vivo del musicista alla voce, alla chitarra e al piano. Successivamente ha sovrainciso basso e batteria. Il processo è iniziato quando è tornato a “When Winter Comes”, un brano inedito degli anni Novanta coprodotto da George Martin. Ha creato una nuova sezione per la canzone, dando vita al brano di apertura “Long Tailed Winter Bird”.

Il progetto discografico si collega e chiude la trilogia iniziata nel 1970. Dopo “McCartney” del 1970 e “McCartney II” del 1980, l’ex Beatle sarebbe pronto a rilasciare l’album “McCartney III”, ideale prosecuzione a 40 anni di distanza dal precedente.

Anche in questo caso Paul McCartney ha suonato tutti gli strumenti durante le registrazioni avvenute nel suo studio privato nel Sussex in totale solitudine durante la quarantena dello scorso inverno-primavera. In “McCartney II” l’artista aveva suonato tutti gli strumenti e cantato tutte le parti vocali, con il solo apporto dell’allora moglie Linda Eastman ai cori in alcuni brani.

“Vivevo il lockdown nella mia fattoria con la mia famiglia e andavo nel mio studio ogni giorno”, ha detto McCartney in una dichiarazione. “Ho dovuto lavorare un po ‘su alcune musiche da film e questo si è trasformato nella traccia di apertura. E poi, una volta terminato, ho pensato: “Cosa farò dopo?” Avevo alcune cose su cui avevo lavorato nel corso degli anni, ma a volte il tempo si esauriva e sarebbe rimasto a metà. Così ho iniziato a pensare a quello che avevo. ”

Ogni giorno iniziavo a registrare con lo strumento su cui avevo scritto la canzone e poi gradualmente sovrapponevo il tutto, era molto divertente. Si trattava di fare musica per te stesso piuttosto che fare musica che doveva fare per altri.. Quindi, ho appena fatto cose che mi sarebbe piaciuto fare. Non avevo idea che sarebbe finito come un album “.

mccartney  

Scherzi a parte sul tempismo, ciò che “McCartney” e “McCartney II” avevano in comune – il che non era molto, dal momento che quei due album, distanziati di 10 anni l’uno dall’altro, difficilmente avrebbero potuto suonare meno simili – era che erano progetti completamente solisti , senza altri musicisti coinvolti. Se le cose stanno così per un “III”, non aspettarti nulla in termini di collaboratori famosi come Greg Kurstin e Ryan Tedder, che sono stati produttori e co-sceneggiatori dell’ultimo album di McCartney, “Egypt Station” del 2018.

L’ultimo indizio risale proprio a oggi, ed è stato rilasciato proprio dallo staff di Paul McCartney. Ascoltando su Spotify le canzoni degli album “McCartney” e “McCartney II” compare un dado, con il numero 3, che cade proprio sulla copertina del disco.

 

Condividi

Lascia una risposta