Lana Del Rey, Ariana Grande, e Miley Cyrus pubblicano ‘Don’t call me angel’

0

La traccia è la colonna sonora del nuovo ‘Charlie’s Angels’, nei cinema da novembre

Ali di piume nere e combattimenti: è stata pubblicata Don’t call me angel, traccia di Ariana Grande, Miley Cyrus e Lana Del Rey colonna sonora del nuovo Charlie’s Angels, nei cinema dal prossimo novembre.(Rolling Stone)

Il video è stato diretto da Hannah Lux Davis, già a lavoro su 7 Rings e Thank U, Next. Nella clip, che potete vedere sopra, le cantanti recitano le parti dei tre angeli, tra incontri di pugilato e armi. L’ultimo remake della serie risale ai primi anni 2000, con il remake di Cameron Diaz, Drew Barrymore e Lucy Liu.

Le protagoniste del nuovo film sono invece sono Kristen Stewart, Naomi Scott e Ella Balinska. Qui il trailer:

 

Lana Del Rey ha ricevuto l’ASCAP Global Impact Award, presentata Father John Misty, che  Lana Del Rey ha dichiarato di  essere il suo artista preferito. Misty ha anche eseguito una versione ridotta di “Ride”. Nel suo discorso di accettazione, Del Rey ha ringraziato il suo co-sceneggiatore / produttore e compagno di tavolo Rick Nowels, la cui moglie Maria Vidal era seduta a pochi tavoli con Desmond Child,

La American Society of Composers, Authors and Publishers (ASCAP) è una organizzazione no-profit che protegge i diritti d’autore musicali dei propri membri attraverso un monitoraggio delle esecuzioni pubbliche delle loro composizioni, siano esse via radio o concerti dal vivo, e ottenendone l’eventuale risarcimento. ASCAP raccoglie i pagamenti dagli utilizzatori della musica creata dai propri membri, quindi li ridistribuisce ai propri associati sotto forma di diritti d’autore (royalties) (BMI-Broadcast Music Incorporated utilizza un metodo analogo per i propri associati). In effetti, questo sistema è il frutto di un compromesso: quando una canzone viene suonata, l’utilizzatore non deve pagare direttamente il proprietario dei diritti, né l’autore deve fatturare la propria musica ad una stazione radio perché questa la possa utilizzare.

Nel 2005, ASCAP ha raccolto 750 milioni di dollari in pagamenti di licenze e distribuito 646 milioni in diritti ai propri membri. Negli Stati Uniti ASCAP compete con altre due organizzazioni: la BMI e la Society of European Stage Authors and Composers (SESAC).

 

Condividi

Lascia una risposta