Ringo Starr e Paul McCartney una cover di Lennon

0

Ringo Starr annuncia il suo 20° album in studio, What’s My Name, che esce per Universal Music il 25 ottobre.

I membri sopravvissuti dei Beatles Ringo Starr e Paul McCartney si sono riuniti per registrare una canzone di John Lennon  e che vede anche un riff di George Harrison.
Ringo Starr annuncia il 20 ° album di Studio  What’s My Name.

 

L’album upbeat, registrato nello studio di casa di Starr a Los Angeles, comprende Joe Walsh, Edgar Winter, Dave Stewart, Colin Hay, Steve Lukather, Paul McCartney.

Non ne avevo idea. Non l’avevo mai sentito, non ne avevo mai sentito parlare. [Produttore di Double Fantasy] Jack Douglas, mi sono imbattuto negli ultimi due anni. “Ehi Jack.” E disse: “Bene, hai preso quel nastro?” Ho detto, “Quale nastro?” E ha detto: “I nastri Bermuda dove John è andato alle Bermuda [nel 1980]”. E ho detto, “No, non so davvero di cosa stai parlando. Dammi una copia. “Quindi era su cassetta, ma l’ho preso su un CD. Il modo moderno. Ed è stato difficile ascoltarlo all’inizio perché John parla di me, mi menziona.

L’ex batterista dei Beatles pubblicherà “Qual è il mio nome” il 25 ottobre tramite UMC. Registrato nel suo studio di casa Roccabella West, l’LP presenterà una serie di ospiti, tra cui Paul McCartney, Joe Walsh, Edgar Winter, Dave Stewart, Benmont Tench, Steve Lukather, Nathan East, Colin Hay, Richard Page, Warren Ham, Windy Wagner , Kari Kimmel e altro ancora.

Embedded video

La traccia del titolo è una canzone rock entusiasmante scritta da Colin Hay, un membro della All Starr Band, con una melodia di chitarra classica in stile occidentale-americano e grida autoindulgenti di “Ringo!”

Starr ha commentato:

Ringo ha rivelato: “Jack mi ha chiesto se avevo mai sentito The Bermuda Tapes, le demo di John di quel momento … E non avevo mai sentito tutto questo. L’idea che John stesse parlando di me in quel momento prima di morire, beh, sono una persona emotiva. E ho adorato questa canzone.

“L’ho cantato il meglio che potevo. Faccio bene quando penso a John così profondamente. E ho fatto del mio meglio. Abbiamo fatto del nostro meglio.

“L’altra cosa positiva è che volevo davvero che Paul ci suonasse, e ha detto di sì. Paul suona il basso e canta un po ‘ con me.

 

 

 

Condividi

Lascia una risposta