In cenere le ville di Gerard Butler, Neil Young , Miley Cyrus

0

Neil Young  e molte altre star perdono la casa negli incendi in California e attacca Trump sul cambiamento climatico


Negli ultimi giorni la California ha vissuto l’incendio più devastante della storia: decine di morti, centinaia di dispersi e danni inestimabili in molte contee, compresa quella di Los Angeles, dove abitano moltissimi artisti. Lady Gaga, Lil Pump, Fred Durst e Neil Young sono stati colpiti dagli incendi, e molti hanno mostrato sui social media quello che stava succedendo.

Miley Cyrus e Gerard Butler sono tra le star che hanno perso le loro case, in seguito al devastante incendio che in queste ore sta bruciando la California.

La popstar si è detta ‘devastata’ dopo aver visto la sua proprietà di Malibu completamente avvolta dalle fiamme, ma allo stesso tempo sollevata per essere riuscita a mettersi in salvo al fianco del fidanzato, l’attore Liam Hemsworth, e i loro cani.

‘Sono completamente devastata da come questo incendio stia condizionando la mia comunità. Mi ritengo fortunata, gli AMORI DELLA MIA VITA sono sani e salvi e questo è quello che conta al momento – ha twittato la cantante -. La mia casa non esiste più, ma i ricordi accumulati lì dentro con la mia famiglia e miei amici rimarranno scolpiti. Ringrazio con amore e gratitudine i vigili del fuoco e il Dipartimento dello Sceriffo di Los Angeles. Se volete dare una mano, guardate il prossimo tweet. Donate e aiutateci, vi voglio bene, Miley’.

In un post apparso sul suo sito ufficiale, Neil Young ha attaccato il presidente Trump, che aveva attribuito la portata del disastro alla mal gestione delle foreste da parte del governo democratico. «I pompieri dicono di non aver mai visto niente di simile in tutta la loro vita», ha scritto. «Gli incendi hanno già distrutto la mia casa in California, e oggi è successo ancora. La California non è vulnerabile per la malgestione delle foreste, come continua a ripeterci Trump. Siamo vulnerabili per il cambiamento climatico».

Condividi

Lascia una risposta