Neil Young, ascolta il nuovo brano ‘Vacancy’ da Homegrown

0

Esce il 19 giugno Homegrown di NeilYoung, dopo 46 anni ,in anteprina davanti ad un audience, di polli, galline e altri animali della sua fattoria.

Vacancy è una delle sette tracce inedite dell’album e si apre con un vorticoso riff di chitarra, mentre Young canta: “Who are you?/Where are you going to?”. Si rivolge poi a una vecchia amante: “I look in your eyes and I don’t know what’s there/You poison me with that long, vacant stare“.

Registrato al Broken Arrow Ranch Studio di Young nel gennaio del 1975, il pezzo vede la collaborazione di Stan Szelest all’organo Wurlitzer, Ben Keith alla chitarra slide, Tim Drummond al basso e Karl T. Himmel alla batteria.

Neil Young interpreta la title track  di Homegrown,  insieme a “Tumbleweed”, “Harvest”, “Old Man”, “Everybody Knows This Is Nowhere” e “War Of Man”.

GUARDA IL VIDEO QUI

 

Anche se Homegrown è stato completato nel 1975, Young ha rifiutato di pubblicare l’album dopo aver deciso che era troppo personale per lui da affrontare in quel momento. Guarda il video qui,
Homegrown, uno dei grandi “Sacri Graal” del catalogo inedito di Neil Young vedrà finalmente la luce a giugno, a 46 anni dalla sua registrazione.

Le dodici tracce di Homegrown usciranno il 19 giugno su tutti i formati, per Reprise Records, etichetta di Warner Music Group, proprio come il nuovo album di Bob Dylan.

«Mi scuso», ha scritto Neil Young «questo album Homegrown avrebbe dovuto essere lì per voi un paio d’anni dopo Harvest». «È il lato triste di una storia d’amore. Il danno creato. Il dolore del cuore. Non riuscivo proprio ad ascoltarlo. Volevo andare avanti. Così l’ho tenuto per me, nascosto nel caveau, sullo scaffale, in fondo alla mia mente… ma avrei dovuto condividerlo».

L’album, ammette lui, è “veramente bello”. «È per questo che l’ho realizzato. A volte la vita fa male. Sapete cosa intendo. Questo è quello che mi è sfuggito».

Registrato in analogico nel 1974 e all’inizio del 1975, Homegrown è stato accantonato a favore della registrazione di Tonight’s The Night del 1973. Secondo Young stesso è “il ponte inascoltato” tra Harvest e Comes A Time.

Condividi

Lascia una risposta