I Pearl Jam ricordano i morti di Roskilde

0

Il 30 giugno 2000, nove ragazzi morivano nella calca durante il concerto della band di Seattle in Danimarca. Il ricordo del chitarrista Stone Gossard, fra dolore e autocritica. «Non siamo stati all’altezza della situazione»

«Niente è stato più lo stesso». In un comunicato, i Pearl Jam ricordano i tragici fatti di Roskilde. Esattamente vent’anni fa, il 30 giugno 2000, nove giovani perdevano la vita nella calca durante il concerto della band di Seattle all’Orange Stage del festival danese. «Un evento inatteso ha cambiato le vite di tutte le persone coinvolte», scrive il chitarrista Stone Gossard a nome del gruppo. «I 9 giovani morti nella calca. Le vite delle loro famiglie e dei loro cari che hanno dovuto sopportare di immaginare più o più volte la loro morte e affrontare la realtà di non vederli più. Chi ha assistito agli eventi e ha cercato di fare qualcosa, magari tirando su qualcuno o magari non è stato in grado di farlo. E quelli, come la band, che non si sono resi conto di quanto stava succedendo fino a quando non è stato tardi».

(ANSA) “Gigaton”, l’undicesimo album dei Pearl Jam, ha debuttato direttamente in vetta alla classifica dei dischi più venduti  secondo le rilevazioni di Fimi/Gfk. L’album rappresenta il culmine dell’evoluzione stilistica della band di Seattle. Sul secondo gradino del podio risale di una posizione Marracash con Persona. Terza Dua Lipa con il suo nuovo Future Nostalgia, che è stata anticipata dal brano “Don’t Start Now”.Pearl Jam – Gigaton

In Gigaton è evidente l’evoluzione stilistica di una delle band più amate: l’album contiene dodici canzoni di resistenza umana, sentimentale e spirituale, scandite da chitarre brillanti, suoni rock potenti, ma anche da momenti acustici e raccolti, in pieno stile Pearl Jam.

 

 

 

Al quarto posto si piazza al debutto il nuovo album di Gianni Bismarck “Nati Diversi”. Il disco in una settimana ha totalizzato oltre 5 milioni di stream negli store digitali. Scivola dalla seconda alla quinta posizione Ghali con Dna, davanti a The Weeknd, che solo una settimana fa aveva conquistato la vetta con After Hours. Settimo posto per Tha Supreme con 23 6451, seguito da Nitro con GarbAge che perde una posizione rispetto a sette giorni fa ma conquista il primo posto tra i vinili. Chiudono la top ten, i Pinguini Tattici Nucleari, con Fuori dall’hype Ringo Starr, gli unici che tengono ancora alta la bandiera del Festival di Sanremo, e la band trap FSK Satellite con Fsk Trapshit Revenge.

Tra i singoli primo posto per Shiva e Eiffel 65 che scalano la classifica con Auto Blu. Al secondo posto, Rinascerò Rinascerai che Roby Facchinetti, con Stefano D’Orazio, ha dedicato alla sua Bergamo duramente colpita dall’emergenza coronavirus (i proventi del brano saranno tutti devoluti).

Ecco la top ten Fimi/Gfk degli album più venduti della settimana dal 27 marzo al 2 aprile 2020:

1) GIGATON, PEARL JAM (ISLAND-UNIVERSAL MUSIC)

2) PERSONA, MARRACASH (ISLAND-UNIVERSAL MUSIC)

3) FUTURE NOSTALGIA, DUA LIPA (WARNER RECORDS-WMI)

4) NATI DIVERSI, GIANNI BISMARK (VIRGIN-UNIVERSAL MUSIC)

5) DNA, GHALI (STO RECORDS/ATLANTIC-WMI)

6) AFTERHOURS, THE WEEKND (ISLAND-UNIVERSAL MUSIC)

7) 23 6451, THA SUPREME (EPIC-SONY)

8) GARBAGE, NITRO (ARISTA-SONY)

9) FUORI DALL’HYPE RINGO STARR, PINGUINI TATTICI NUCLEARI (RCA RECORDS LABEL-SONY)

10) FSK TRAPSHIT REVENGE, FSK SATELLITE (THAURUS/ISLAND-UNIVERSAL MUSIC)

Ecco la classifica dei primi cinque singoli più scaricati:

1) AUTO BLU, SHIVA & EIFFEL 65 (JIVE-SME)

2) RINASCERÒ RINASCERAI, ROBY FACCHINETTI (EDIZIONI BABILONIA SRL-SME)

3) SPORT + MUSCOLI (RMX), MARRACASH & LUCHÈ FEAT. LAZZA, PAKY & TAXI B (ISLAND-UNI)

4) FIORI DI CHERNOBYL, MR.RAIN (WM ITALY-WMI)

5) BLINDING LIGHTS, THE WEEKND (ISLAND-UNI)

Infine la classifica dei vinili:

1) GARBAGE, NITRO (ARISTA-SONY)

2) GIGATON, PEARL JAM (ISLAND-UNIVERSAL MUSIC)

3) THE DARK SIDE OF THE MOON, PINK FLOYD (PARLOPHONE-WMI)

4) DREAMS: THE COLLECTION, THE CRANBERRIES (ISLAND-UNIVERSAL MUSIC)

5) PERSONA, MARRACASH (ISLAND-UNIVERSAL MUSIC).

Condividi

Lascia una risposta