Donald Trump Presidente: mercati in picchiata

0

Trump presidente, voto shock negli Usa. Clinton ammette sconfitta”Sarò al servizio di tutti, per Usa è ora di superare le divisioni” –video

Trionfo a161108-trump-president-elect-feature1l di là di ogni previsione. Hillary battuta in quasi tutti gli Stati in bilico
Borse in picchiata in Asia ed Europa, balzo dello spread, soffre il dollaro /  Obama: “Non importa cosa accadrà, domani sorgerà il sole” /  Il boato dei fan di Donald / Foto simbolo

Le reazioni Le Pen e Farage esultano, preoccupazione a Berlino

082406078-1b25f48c-c71f-48f0-81aa-b1e58f7b89e7

 

 

 

 

https://www.conservativeoutfitters.com/blogs/news/new-york-post-publishes-new-nude-photos-of-donald-trumps-wife-melania

aug-1-cover-2

 Il “Cigno nero” si è materializzato: è questa la figura che aleggia nelle sale operative e che descrive la vittoria di Donald Trump alle elezioni per la presidenza Usa. Uno scenario che nell’immediata vigilia era stato escluso dagli investitori, che avevano scommesso tutto su Hillary Clinton. Il Cigno nero è l’evento inatteso, accade all’improvviso portando con sé una carica dirompente per i listini finanziari: i future di Wall Street sono in picchiata, le Borse asiatiche stanno crollando e risalgono invhillarydown-1-1024x577ece i beni rifugio, come lo yen e l’oro. Sprofonda il peso messicano, che era diventato nelle ultime settimane il termometro della possibilità di vittoria di Trump: si rafforzava al calare delle chances repubblicane di affermazione, proprio per il programma impostato dal Tycoon, durissimo verso la cooperazione commerciale con il Messico.melania-trump-hot-photos-img

Ad aprire le danze, per questioni di fuso orario, è l’indice Nikkei della Borsa di Tokyo, che ha chiuso in calo del 5,36%. I listini europei si muovono in netto ribasso, anche se il “tono istituzionale” del discorso di Trmeet-melania-trump-imgump ha portato le Borse a recuperare parte delle perdite indicate dai future prima dell’apertura: Milano lascia sul parterre il 2,4%, Parigi cede il 2,7%, Londra il 2,1%. A Piazza Affari è il comparto bancario a pagare dazio più degli altri: molti titoli del credito non riescono a fare prezzo in avvio e la media del settore è in rosso del 6% circa. In controtendenza, invece, la Borsa russa (il Micex) che sale dell’1,24%: il presidente Vladimir Putin ha mandato le sue congratulazioni a Trump e spera in rapporti diplomatici migliori rispetto a quelli avuti con la presidenza Obama.

  •  

 

.

Condividi

Lascia una risposta