Jerry Hall racconta tutto su Mick Jagger e Brian Ferry

0

Bryan Ferry certamente voleva sposarla. Quindi Mick Jagger, una rock star ancora più grande, l’ha rubata

Alla fine l’aveva sposata, ma a quel punto Jerry aveva imparato che anche il suo tipo di bellezza mozzafiato, sbalorditiva ha i suoi limiti. La sua bellezza non la proteggeva dall’infedeltà quasi patologica di Jagger, né dal dolore che le causava, fin dai primi giorni della sua relazione.

Sarebbe tornata a casa dai compiti di modellista per trovare cose che non le appartenevano. “E poi inizierei a trovare cose accanto al letto come orecchini o un anello. Era ovvio.”

Nel 1979, scrive: “Mick non era in tournée e aveva troppo tempo a disposizione. Ha iniziato a uscire molto senza di me.

Era stato collegato con diverse ragazze nelle colonne del gossip, ma ovviamente lo negò. “Nonostante le prove, Jagger mentiva sempre sui suoi affari . “Ha negato tutto fino all’ultimo”

La campana della morte finalmente suonò sul suo matrimonio nel 1999 quando emerse che Jagger, con la quale aveva avuto quattro figli, aveva generato un figlio da un’altra donna.

La coppia si incontrò nel 1977, mentre Jagger era ancora sposato con Bianca Pérez-Mora Macias e Hall usciva con il frontman dei Roxy Music, Bryan Ferry.

Bryan era al culmine della sua fama quando arrivai a Londra prima delle riprese nell’estate del 1975. Ho adorato Roxy Music e ho pensato che Bryan avesse la voce più bella, toccante e sexy. Uno sguardo al suo viso elegante e bello e mi sono dimenticato di New York.

La mia prima notte a Londra, mi portò a cena fuori in una Jaguar nera con sedili in pelle. Quando cambiò marcia, la sua mano mi sfiorò quasi le ginocchia – c’era molta chimica tra noi. Il servizio fotografico dell’album era in Galles, dove abbiamo alloggiato in un piccolo hotel sul mare.

Dopo cena, sono andata a letto e mi sono arricciata i capelli per il lavoro del giorno seguente. Ero rimboccato a letto nella mia camicia da notte quando Bryan bussò alla mia porta. Lo lasciai entrare e tornai sotto le coperte, imbarazzato.

Nell’estate del 1976, Mick Jagger chiese a me e al mio fidanzato Bryan Ferry di andare a cena fuori. Bryan era lusingato dalla sua attenzione, ma potevo anche vedere che Mick era colpito da me.

Non avrebbe potuto essere carino per Bryan. Alla fine della serata, Mick ha sfiorato una gamba vicino alla mia. Ho sentito una scossa elettrica.

Una volta, Mick iniziò a inseguirmi attorno a un tavolo da ping-pong, cercando di baciarmi. Bryan entrò e lo inseguì.

Mick iniziò a lasciare messaggi sulla nostra segreteria telefonica, dicendo: “Ciao, Bryan, usciamo di nuovo.” Ma Bryan mi disse: “Non uscirò mai più con lui.

Da quel momento, Mick mi assediò, mandandomi fiori e facendomi invitare alle cene dove si sarebbe seduto accanto a me. Ero lusingato. Ho iniziato una relazione con lui a condizione che sarebbe finita alla fine dell’estate quando Bryan sarebbe tornato dal suo tour.

Dissi a Mick che potevo vederlo solo a giorni alterni. Fu un inutile tentativo di proteggere il mio cuore perché mi stavo innamorando di lui.

Mick e io ci vedevamo discretamente per il resto dell’estate. Per il mio 21 ° compleanno a luglio, mi ha regalato uno squisito paio di orecchini antichi a cerchio di diamanti.

Quando l’estate finì, ci salutammo in lacrime. Bryan sarebbe dovuto tornare il giorno successivo. Mi sentivo confuso, ma quando Bryan arrivò ero felice di vederlo. Mi ha regalato un bellissimo braccialetto color smeraldo per il compleanno che gli era sfuggito.

Tempo dopo Brian conobbe la liason e disse: “Smetti di mentire. Ho letto di te e Mick sui giornali. “Non era un tipo tollerante.”

Speravo di poter dimenticare Mick e ricominciare da capo con Bryan. Ci trasferimmo a Los Angeles, ma ero terrorizzato che avrebbe scoperto cosa stavo facendo.

Una notte, Bryan e io cenammo con il principe Rupert Loewenstein, il consulente finanziario dei Rolling Stones. Quando Bryan era fuori.

Mi sentivo orribilmente lacerata. Mi mancava Mick: sapevo che non avevamo ancora finito. Volevo finire con Bryan, ma non riuscivo a convincermi a farlo. Sono andato a Parigi e appena ho visto Mick ho capito che volevo stare con lui. Dopo gli spettacoli, siamo andati in Marocco per una vacanza. Ho detto a Bryan di avere un lavoro da modella.

Bryan mi ha preso lasciandolo male, rifiutando di restituire i miei vestiti e le mie cose. Avevo lasciato un libro accanto al letto intitolato The Mists Of Avalon, sui druidi. Bryan ha scritto un bellissimo album chiamato Avalon, ma non mi ha mai più parlato.

Condividi

Lascia una risposta