Lita Ford a Dee Dee Ramone: “grazie per le piattole”

0

Lita Ford rivela le sue folli giravolte alimentate dalla droga con i più grandi nomi del rock  –

Ho preso le piattole da Dee Dee Ramone e  mandato fuori di testa  il bassista degli Who John Entwistle.
“Quando mi sono sfilata i pantaloni, si vedevano segni neri e blu che avevo lungo tutte le gambe,   John (Entwistle) mi guardava come se fossi una sadomasochista o qualcosa del genere: i lividi  venivano dall’equitazione e alla fine non hanno creato a John Entwistle  nessuna pausa nel passare la notte. Insieme.”   Dopo una serata al club Traxx – con il suo migliore amico Toni,  Bon Jovi e  il tastierista Aldo Nova al seguito,  Lita Ford riportò l’intero equipaggio nella sua stanza al Broadway Plaza Hotel.

“Io e Bon Jovi stavamo facendo sesso in un letto e Sambora e Toni si ubriacavano su un altro, mentre Nova “guardava sorseggiando il suo vino rosso.   Tutto il vino che Bon Jovi aveva bevuto e gli dette alla testa e  iniziò a vomitare nell’angolo, proprio sul tappeto della camera da letto. ”A quel punto, Toni si sentì generoso.  Come per dire,  Ecco, Lita, prova me.   Ma sono andata a letto con Richie Sambora.  La stanza si trasformò in una scena di “Caligola”.

Nel 1980 lei e Van Halen stavano bevendo vodka e provandosi  vestiti a vicenda nel suo salotto. Ford aveva una maglietta che diceva  “Battimi. Mordimi. Frustami. F-k me”. Molto sentimentale.” Stavamo scherzando sul pavimento quando sentì qualcuno che le dava un calcio alla caviglia e trovò Mark, un omone con cui aveva recentemente rotto, che li fissava. Aveva “scalato i balconi e varcato la porta a vetri scorrevole”.

Van Halen, ubriaco e impazzito fece un passo indietro verso il bagno e disse:” Beh, se hai intenzione di uccidermi, seppelliscimi con la mia chitarra. Quindi chiuse la porta del bagno a chiave.”

Ford fece in modo che Mark se ne andasse, ma quando controllò il bagno, Van Halen era sparito, nonostante l’unica uscita fosse una “piccola, minuscola finestra” sopra la doccia.

Era, infatti, riuscito a spremere il suo corpo attraverso quella finestra, raschiandogli tutto lo stomaco.

Ma prima ancora di raggiungere il successo, spiega Ford, la band ha avuto un grande calo: la Ford si è unita alle Runaways insieme ai compagni di band che includevano la chitarrista ritmica Joan Larkin, diventata poi  Joan Jett.

“Mi sono reso conto all’improvviso che tutte nella band tranne una erano lesbiche – e ho avuto il timore che” una delle ragazze potesse fare una mossa su di me “. The Runaways  stavano aprendo i concerti per band come Rush e Cheap Trick .

Ma prima ancora di raggiungere il successo, spiega Ford, la band ha avuto un grande calo: la Ford si è unita ai Runaways insieme ai compagni di band che includevano il chitarrista ritmico Joan Larkin, che ha cambiato il suo nome in Joan Jett.

 

 

 

 

Condividi

Lascia una risposta