Ringo Starr battaglia legale: il suo nome usato per ‘sex toys’

0

Ringo Starr sta combattendo per impedire che il suo nome venga usato per i giocattoli sessuali

Sir Ringo Starr si sta attualmente opponendo al marchio del nome Ring O per giocattoli a sfondo sessuale.
Pacific Coast Holdings IP, LLC, la società madre di Screaming O, ha espresso il desiderio di registrare il nome Ring O per un anello vibrante per il pene, che commercializza con quel nome dal 2008. (Express-co.uk)

PCHolding Ha accusato Sir Ringo di essere un “abusivo del marchio” mentre tentava di opporsi al loro marchio, oltre a suggerire che i loro clienti non sarebbero stati della generazione per collegare l’oggetto con il Beatle.

Il team legale di Sir Ringo, al contrario, sostiene che la Pacific Coast Holdings ha violato il loro accordo, che ha permesso loro di utilizzare il nome fintanto che non hanno mai tentato di registrarlo.

Il suo nome è abbastanza unico ed è diventato uno dei suoi marchi di fabbrica. Tuttavia, ora sta combattendo per opporsi al nome utilizzato per una marca di aiuti sessuali.

The Ring O fa parte di un gruppo di ausili sessuali venduti dalla società, con altri nomi tra cui Swingo, The Big O e Primo.

Nonostante abbia utilizzato il nome per un po ‘di tempo, la società non ha cercato di registrare il nome fino ad anni dopo, con la loro domanda di marchio pubblicata nel 2018.

Nel 2019, Sir Ringo ha lanciato la sua prima opposizione al nome, affermando di possedere già sette marchi per il nome e ha utilizzato quel nome dal 1962.

 

Condividi

Lascia una risposta