Steve Hackett: “La musica pop moderna è deprimente”

0

L’ex chitarrista dei Genesis ammette di non essere un fan di gran parte della musica nelle classifiche perché non riesce a identificarsi con essa.

Steve ha detto: “Di solito trovo ciò che è nelle classifiche piuttosto deprimente”.
“Mi piacciono band come i Muse e gli Elbow. Se vedo o sento qualcosa di veramente buono, lo dirò “. (musica-notizie)

Il musicista ha anche respinto le imprese che il rock ‘n’ roll sta passando di moda suggerendo che la musica avrà sempre potere.

Steve ha spiegato: “La musica è come la medicina. Non dovrebbe mai passare di moda e ha proprietà magiche per curare, guarire e rigenerare. La musica fa cose che la politica non può o non farà “.

Hackett ha anche sottolineato che il fascino e l’impatto duraturi di artisti come i Beatles dimostrano che la musica resiste alla prova del tempo.

Parlando al podcast Greatest Music of All Time, ha detto: “La musica è stata una forza per eventi che hanno cambiato il mondo, come può andare fuori moda. Pensa a tutto quello che hanno fatto i Beatles, che ha fatto Bob Dylan – tutte le cose serie.

 

Il grande chitarrista Steve Hackett ha pubblicato lo scorso anno la tanto attesa autobiografia, A Genesis in My Bed. Oggi il compleanno.

Il libro di memorie di 224 pagine esplora l’intera vita di Steve Hackett, tuttavia, come suggerisce il titolo, A Genesis in My Bed approfondisce in particolare il mandato di Hackett con Genesis dal 1971 al 1977. (Planet Rock)

Hackett era, ovviamente, un membro fondamentale della Genesis negli anni settanta e ha contribuito agli album in studio “Nursery Cryme”, “Foxtrot”, “Selling England by the Pound”, “The Lamb Lies Down on Broadway”, “A Trick of la coda “e” Wind & Wuthering “.

A Genesis in My Bed è disponibile per l’acquisto in formato cartonato da venerdì 24 luglio tramite Wymer Publishing.

Una dichiarazione su A Genesis in My Bed recita: “Come per la sua musica, Steve ha scritto un tomo altamente dettagliato, divertente e avvolgente che traccia la sua vita per intero, ma con una forte enfasi sui suoi anni con i Genesis che hanno visto l’ascesa meteorica della band diventare una delle band britanniche di maggior successo di tutti i tempi.

 

Condividi

Lascia una risposta